MOSTRO FIRENZE
La macabra cronistoria degli omicidi del Mostro di Firenze
.:Introduzione
.:1981
.:1982 e 1968
.:1983 e 1984
.:1985
.:1985

8 settembre 1985.
Un anno e un mese dopo.
San Casciano, venti chilometri a sud di Firenze.
Lungo via degli Scopeti, in uno spiazzo di un boschetto, due ragazzi francesi hanno piantato una tenda, a pochi passi dalla loro Wolkswagen. Si chiamano Nadine e Jean-Michel e stanno facendo l'amore quando qualcuno taglia la tenda dalla parte posteriore e spara. Nadine muore subito con tre colpi alla testa. Jean-Michel ferito scappa verso il bosco ma non ce la fa. Qualcuno lo accoltella alla schiena e lo finisce.
Nadine è trascinata fuori dalla tenda e lì viene mutilata del pube e del seno sinistro. Poi viene rimessa nella tenda e coperta, nascosta, per la prima volta.
Da un paesino a quaranta chilometri da Firenze, San Pietro a Sieve, viene spedita una busta al sostituto procuratore Silvia Della Monica, l'unica donna che si occupa dei delitti del Mostro, dentro la busta un pezzo del seno di Nadine.

Siamo arrivati a sedici. Otto coppie, nove uomini e sette donne, sedici morti, ammazzati e massacrati dal 1968 al 1985.
Il mostro si ferma.
Di delitti del Mostro di Firenze non ce ne sono più.
By site.mostrofirenze