MOSTRO FIRENZE
La macabra cronistoria degli omicidi del Mostro di Firenze
.:Introduzione
.:1981
.:1982 e 1968
.:1983 e 1984
.:1985
.:1981

6 giugno 1981.
Ancora un sabato sera. Nella campagna di Mosciano, vicino Scandicci, dieci chilometri a sud di Firenze, c'è la località Villa bianca. Lì, in fondo ad una stradina sterrata, una Ritmo con due ragazzi dentro. Sono Giovanni e Carmela. Giovanni ha detto ai genitori di Carmela che andavano a prendere un gelato insieme, facevano una passeggiata e la riportava a casa entro mezzanotte.
Giovanni e Carmela si sono appartati in una piazzola e Giovanni ha anche già voltato la Ritmo, in modo da poter ripartire senza fare manovra. Due ragazzi di trenta e ventuno anni.
La mattina dopo un poliziotto fuori servizio, che sta facendo una passeggiata assieme al figlio di dieci anni, vede la Ritmo con il finestrino di sinistra sfondato.
Dentro c'è Giovanni riverso sul sedile al posto di guida, seminudo, morto. Fuori dall'auto in un fossato c'è Carmela, supina, vestita. Qualcuno li ha uccisi a colpi di pistola, sette in tutto, calibro 22. Ha colpito al collo Giovanni con un coltello e poi si è accanito su Carmela. Quando i carabinieri arrivano la trovano nel fosso, vestita ma con un taglio che le ha aperto i jeans lungo la gamba fino alla cintura.
Attraverso lo squarcio nei jeans qualcuno con tre tagli netti le ha completamente asportato il pube.
I carabinienti trovano i bossoli. Il perito balistico li esamina e scopre che a spararli è stata la stessa pistola, una Beretta calibro 22 modello 72 o 74.

23 ottobre 1981.
Quattro mesi dopo.
Un altro spiazzo in campagna nel comune di Calenzano, vicino a Prato, sempre provincia di Firenze.
Un'altra macchina ferma, una Golf nera, con il finestrino di sinistra sfondato.
I due ragazzi sono fuori dall'alto. Stefano, che ha ventisei anni, è sulla sinistra in una scarpata, ucciso da quattro proiettili e colpito da quattro coltellate. Susanna che di anni ne ha ventiquattro è più avanti, in un canaletto di scarico.
A lei di colpi ne hanno sparati cinque, più due coltellate di cui una al seno sinistro.
Poi qualcuno le ha asportato il pube con tre tagli netti, molto profondi.
Sette bossoli calibro 22 Long Rifle Winchester.
Questo è qualcosa di cui non si era mai parlato prima in Italia.
Questo è un serial killer.

Continua: 1982 e 1968
By site.mostrofirenze